Warning: copy(/home/www/785e28e1cde8abf922d820f0c3364313/web/esperance/wp-content/wflogs//GeoLite2-Country.mmdb) [function.copy]: failed to open stream: No such file or directory in /home/www/785e28e1cde8abf922d820f0c3364313/web/esperance/wp-content/plugins/wordfence/lib/wordfenceClass.php on line 1759
Esperance ACTI » Dati Cambogia

Dati Cambogia

Immagine2 - bandiera Cambogia
Cambogia (nome ufficiale Preah Reach Ana Pak Kampuchea, Regno di Cambogia), stato del Sud-Est Asiatico, delimitato a Nord-Est dal Laos, a Est e Sud-Est dal Vietnam, a Sud-Ovest dal golfo del Siam, a Ovest e Nord-Ovest dalla Thailandia. Il Paese ha una superficie di 181.035 km2 e un'estensione costiera di 443 km; la capitale, nonché maggiore città, è Phnom Penh.
STORIA IN BREVE

I khmer e i h’mong furono tra i primi popoli a insediarsi nell'Asia sudorientale. La cultura indiana influenzò fortemente la primitiva civiltà cambogiana, che ne mutuò la scrittura e la lingua (il sanscrito), stili architettonici, leggi, tecniche, elementi religiosi (induismo e buddhismo) e il concetto di dio-re (deva-raja), oltre a un complesso sistema di classi sociali.

Il primo regno che si formò nell'area fu quello di Fu-nan, nel I secolo d.C. Nel VI secolo il Fu-nan fu conquistato dai khmer, che crearono il regno di Chen La. Dopo un periodo di dominazione giavanese (VIII secolo), il regno khmer venne nuovamente unificato da Jayavarman II (802-850) e, tra il IX e il XII secolo, dominò il bacino del Tônlé Sap (nei pressi del quale venne fondata la capitale Angkor, allora chiamata Yasodharapura) e le aree circostanti il basso Mekong, arrivando a possedere territori prossimi al bacino del Menam; a Nord-Est, battuti i cham, il regno si estese fino al delta del Fiume Rosso.

Nel 1434, in seguito alla sconfitta subita da Angkor da parte del regno siamese (1431), la capitale del regno cambogiano venne trasferita a Phnom Penh. Nel 1594 anche Phnom Penh cadde sotto il controllo politico del Siam, mentre il Sud del regno veniva progressivamente invaso dal Vietnam. Fino al XVIII secolo il territorio cambogiano fu controllato direttamente o indirettamente dal Siam e dal Vietnam.

Nel 1960, alla morte di Norodom Suramarit, il figlio di questi, Norodom Sihanouk, rifiutò di succedergli in qualità di re, prendendo invece la guida del Paese come capo dello stato. Egli fu fortemente sostenuto dal movimento politico della Comunità socialista popolare (da lui precedentemente fondato) e adottò una rigida politica di non allineamento e di coesistenza pacifica, cercando almeno inizialmente di tenere il Paese "distante" dal conflitto vietnamita. Tuttavia l'inasprirsi della guerra del Vietnam condusse il governo di Phnom Penh ad appoggiare le forze nordvietnamite, consentendo loro l'utilizzo del proprio territorio a fini logistici e strategici. La politica adottata in campo internazionale e la scelta di una gestione economica statalista provocarono nei successivi anni forti tensioni interne che sfociarono in ripetuti scontri tra Sihanouk e i suoi oppositori, in particolare il generale Lon Nol; quest'ultimo, nel 1969, ottenne le dimissioni di Penn Nouth, capo di governo per conto dello stesso Sihanouk, divenendo primo ministro.

Nel marzo 1970, mentre Sihanouk si trovava all'estero, il governo lo destituì dalla carica di capo dello stato, che venne assunta da Lon Nol; conseguenze immediate del colpo di stato furono una diretta partecipazione del Paese nella guerra del Vietnam e la proclamazione (ottobre 1970) della Cambogia come repubblica, di cui lo stesso Lon Nol si dichiarò presidente.

Per i due anni successivi imperversò la guerra civile; nonostante il regime di Lon Nol fosse sostenuto dagli Stati Uniti e dal Vietnam del Sud, i guerriglieri del Partito comunista khmer (vedi Khmer Rossi) e del Fronte unito nazionale khmer (FUNK) di Sihanouk costrinsero Lon Nol alla fuga nell'aprile 1975, presero Phnom Penh e proclamarono in dicembre la Repubblica democratica di Kampuchea, con Sihanouk a capo dello stato.

Il Paese, dipendente in larga parte dall'aiuto internazionale, ha ora di fronte a sé gravi compiti: ricostruire la convivenza civile e l'economia e recuperare all'agricoltura un territorio devastato dalla guerra e disseminato di mine antiuomo. La crescita economica non ha soddisfatto le aspettative ma ha comunque risentito favorevolmente della maggiore stabilità politica, riuscendo a bloccare l'inflazione al 3% nel 2002. Le elezioni legislative del luglio 2003 hanno confermato ancora il Partito del popolo cambogiano e il primo ministro Hun Sen.
Superficie: 181.040 Km2
Abitanti: 14.138.255 (stime 2012)
Densità: 83 ab/ Km2
Forma di governo: Monarchia parlamentare
Capitale: Phnom Penh (2.009.264 ab.)
Altre città: Sihanoukville 200.000 ab., Siem Reap 170.000 ab., Battambang 130.000 ab.
Gruppi etnici: Khmer 93%, Vietnamiti 4%, Cinesi 3%
Paesi confinanti: Thailandia a NORD e OVEST, Laos a NORD, Vietnam a SUD ed EST
Monti principali: Phnum Aôral 1771 m
Fiumi principali: Mekong 510 Km (tratto cambogiano, totale 4500 Km)
Laghi principali: Tonle Sap 1.800 Km
Isole principali: Kaoh Kong
Clima: Monsonico tropicale
Lingua: Khmer (ufficiale), Francese
Religione: Buddhista theravada 95%
Moneta: Nuovo Riel cambogiano
ALCUNE INFORMAZIONI (dati UNICEF 2011):

1.    Mortalità infantile entro il primo anno di vita: 36 ogni 1’000 nascite
2.    Mortalità infantile entro il 5° anno di vita: 43ogni 1’000 nascite
3.    Tasso netto di iscrizione alla scuola primaria: 96%
4.    Tasso di alfabetismo fra gli adulti: 74%
5.    Speranza di vita alla nascita: 63anni
6.    Prodotto nazionale lordo pro capite (US$): 830 US$
7.    Crescita annua della ricchezza nazionale (PIL) nel periodo 1990-2011: 6,5%
8.    Accesso a fonti migliorate di acqua potabile (%) nelle zone rurali (2010): 58% della popolazione
9.    Accesso ai servizi igienici adeguati (%) nelle zone rurali (2010): 20% della popolazione
10.  Popolazione sotto la soglia internazionale della povertà di 1,25 USD al giorno (%) 2006–2011: 23%



UN PO'DI GEOGRAFIA E DI FAUNA

La Cambogia ha una superficie di circa 181.040 Km2. Confina a Nord-Ovest con la Thailandia per circa 800 km, a Nord-Est con Laos per circa 541 km e a Est Sud-Est con il Vietnam per circa 1.228 km, ha inoltre 443 km di coste affacciate sul Golfo di Thailandia.

La caratteristica fisica peculiare è la depressione lacustre del lago Tonle Sap (Gande lago) con una superficie di 2.590 Km2 nella stagione secca e di 24.605 Km2 durante la stagione delle piogge. Quest'ampia pianura, densamente popolata è in gran parte coperta da coltivazioni di riso. Gran parte del Paese si trova a meno di 100 m s.l.m. vi sono però delle aree montuose nel Nord del Paese, gli altopiani del Phanom Dang Rek e nella zona Sud-occidentale del Paese, i monti Cardamomi.

I due maggiori fiumi del Paese sono il Mekong che lo attraversa da Nord a Sud e il fiume Tonle Sap emissario dell'omonimo lago e affluente del Mekong. I laghi sono molto poco frequenti.

La Cambogia confina a Ovest con la Thailandia, a Nord con il Laos, a Est con il Vietnam e a Sud con il Golfo di Thailandia. La superficie è circa la metà di quella del Vietnam o dell'Italia. Dal punto di vista topografico, il Paese è dominato dal possente fiume Mekong, il cui corso a forma di falce taglia in due il Paese da Nord a Sud; dal lago Tonlé Sap (Grande Lago), brulicante di pesci; dalle montagne dell'Elefante e dai monti Cardamomi a Sud-Ovest; dai monti Dangkrek lungo il confine thailandese e dagli altopiani orientali a Nord-Est. Gran parte della popolazione vive nelle fertili pianure centrali del bacino formato dal Mekong e dal Tonlé.

L'ambiente cambogiano è seriamente minacciato dalle frenetiche attività di disboscamento che hanno ridotto la superficie boschiva del Paese dal 75%, della metà degli anni '60, a circa il 49% nel 1993. Purtroppo, dato il disperato e costante bisogno di denaro da parte del governo, ci sono poche speranze che tale pratica di depauperamento del territorio venga presto arginata. Il numero di parchi nazionali sta lentamente aumentando, ma sia le attività di disboscamento illegali sia quelle permesse tramite le troppo facili concessioni legali mettono a repentaglio ogni singolo albero del Paese. I parchi comprendono Bokor, sulla costa meridionale, Ream, vicino a Sihanoukville, Kirirom, nei pressi di Phnom Penh, e Virachay, a ridosso del confine con Laos e Vietnam. Si ritiene che nelle aree più impervie abbiano trovato rifugio alcune specie in pericolo, pressoché estinte in ogni altro Paese, tra cui elefanti, tigri, leopardi, rinoceronti, gibboni, pipistrelli e coccodrilli. La fauna più comune comprende diverse specie di farfalle, serpenti e uccelli, come cormorani, gru e anatre.

Il clima della Cambogia è governato da due monsoni: quello freddo e secco, proveniente da Nord-Est, che soffia da novembre a febbraio, e quello umido da Sud-Ovest, che spazza il Paese da maggio a ottobre. Le piogge monsoniche, che cadono soprattutto nel pomeriggio, rappresentano dal 70 all'80% circa di tutte le precipitazioni annue. Le temperature medie si aggirano dai 21°C ai 35°C, e spesso raggiungono anche i 40°C in aprile, il mese più caldo dell'anno.